Il termine Kata significa "forma". E' all'apparenza un insieme di tecniche consecutive ed articolate che si svolgono lungo un tracciato (embusen) e secondo schemi predefiniti.Le valenze del Kata vanno al di là della semplice apparenza, che ai non praticanti appare più simile ad una danza che non ad un'arte marziale. In realtà il Kata rappresenta un combattimento simulato nel quale gli avversari possono diventare reali: ogni forma ha infatti la propria applicazione (bunkai).

Ma il Kata è anche la codificazione dei vari stili di Karate. Nel passato essi erano molto più lunghi e praticati nell'ordine di 3 o 4 all'interno di una scuola. Sommavano quindi, anche con passaggi volutamente oscuri per celare ai più il significato dell'arte, gli ideali tecnici dello stile.I dieci elementi che deve sempre considerare un karateka nell'esecuzione di un kata sono i seguenti:

  • YIO NO KISIN : lo stato mentale
  • INYO : l'attivo e il passivo
  • CHIKARA NO KIOYAKU: la forza
  • WAZA NO KANKYU: la velocità
  • TAINO SHIN SHOKU: la contrazione
  • KOKYU: la respirazione
  • TYAKUGAN: il significato
  • KIAI: energia, unione di corpo e mente
  • KEITAI NO HOJI: la posizione
  • ZANSHIN: guardia

Elenco Kata Shotokan

Nome Nome originale Significato Origine
TAIKIOKU 1-2-3   Formazione del corpo Gichin Funakoshi
TEN NO KATA   Il kata dell'universo  
       
HEIAN 1-2-3-4-5 Pinan Pace o tranquillità Anko Itosu

I Kata Heian sono essenzialmente gli stessi dei più antichi Pinan di Okinawa. Il nome deriva dalla frase heiwa-antei (pace e tranquillità). DI dice che il M°Itosu modificò l'ordine delle tecniche nei cinque Heian in modo che gli allievi procedessero dai movimenti più semplici dei primi due kata a quelli più avanzati degli ultimi tre. Un'altra ipotesi è che Itosu estrapolò questi cinque kata dal più lungo e complicato Kanku Dai.

TEKKI 1-2-3 Naifanchi Cavaliere di ferro Anko Itosu

I Kata Naihanchi o Naifanchi, sono tipici dello stile Shury-Te. Funakoshi li rinominò Tekki. Il primo Naihanchi fu modificato da Itosu che creò il secondo ed il terzo basandosi sul kata originario. Prima della creazione dei Pinan/Heian, questo kata era la base delle forme Shorin-ryu. Secondo la filosofia marziale, Naihanchi riassume un combattimento a corta distanza dove non c'è spazio per muoversi.

BASSAI DAI Passai Penetrare la fortezza (grande) Oyadomari
BASSAI SHO Passai Penetrare la fortezza (piccolo) Anko Itosu

Nel Karate classico ci sono differenti versioni del kata Passai, ad esempio Matsumura Passai, Ishimine Passai, Tomari Passai, ecc.. La più antica delle forme è riconducibile a Oyadomari Peichin. Bassai Sho, fu poi inserito da Anko Itosu.

KANKU DAI Kusanku Guardare il cielo (grande)

Kung Hsiang Chun

KANKU SHO Kusanku Guardare il cielo (piccolo) Anko Itosu

Nello Shoryn ryu esistono molte forme di Kusanku e si narra che fosse il kata preferito di Gichin Funakoshi. Si crede che sia basato sugli insegnamenti dell'istruttore cinese Kung Hsiang Chun che nel 18° secolo si trovava ad Okinawa. La versione Kanku Sho, fu poi introdotta da Itosu basandola sul primo kata.

JION Jion Tempio buddista di Jion Tomari Te
Questo kata è di origine cinese e la parola Jion significa "scritti buddhisti". Un'altra ipotesi suggerisce che il kata fu chiamato così in onore del tempio Jion, dove i monaci praticavano arti marziali.
JITTE Jitte Dieci mani Tomari Te
L'ipotesi storica è che questo kata servisse a disarmare un avversario armato di bastone.
HANGETSU Seisan Mezzaluna Cina
E' uno dei kata più antichi e praticati in tutti gli stili di influenza cinese con differenti varianti. Si narra che fu Sokon Matsumura a introdurlo ad Okinawa dalla Cina.
ENPI Wanshu Volo di rondine  

Le origini di questo kata si riconducono alla ambasciata cinese di Wang Ji in visita ad Okinawa nel 1683. Wanshu era un kata conosciuto solo nel villaggio di Tomari come fu narrato da Koasku Matsumora. L'ultima delle versioni fu adottata da Matsumora e Itosu.

CHINTE Shoin Tecniche straordinaria Tecniche straordinaria

Gichin Funakoshi diede a questo kata il nome Shoin, poi venne adottato il vecchio nome.

GANGAKU Chinto La gru sulla roccia  

E' considerato un kata molto antico ma la fonte originale è sconosciuta. Funakoshi spiega che fa parte dello stile Shorei. Il kata venen rpaticato da Sokon Matsumura e fu poi modificato da Kiyataka e Itosu

SOCHIN Hakko Grande calma Yoshitaka Funakoshi
Fu introdotto dal figlio di Gichin Funakoshi alla fine del 1930. Ha diverse similitudine con l'Aragaki Sochin, specie nelle ultime tecniche.
MEIKYO Rohai Specchio Tomari Te
Dall'originale Rohai, Itosu trasse tre kata. Meikyo è basato sul secondo di essi.
UNSU Unsu Le mani come le nuvole Seisho Aragaki
Si narra che fu introdotto da Sokon Matsumura dopo averlo appreso da un marinaio cinese.
JIIN Shokyo Terre del tempio Tomari Te

Gichin diede a questo Kata il nome Shokyo, cambiandolo poi nell'attuale. La forma shotokan ha perso le ultime quattro tecniche che esistono ancora nella versione Shorin Ryu.

WANKAN Hito/Shiofu Corona di re Yoshitaka Funakoshi
Creato da Yoshitaka, il kata si rifà a forme più antiche del Tomari Te.
NIJUSHIHO Niseishi 24 passi Seisho Aragaki

Questo kata venne praticato dagli aderenti allo Shotokan nel 1930 ed è illustrato nel libro Kempo Gaisetsu. Fu adottato dalla JKA per uniformare gli insegnamenti.

GOJUSHIHO SHO Useishi 54 passi (piccolo) Anko Itosu
GOJISHIHO DAI Useishi 54 passi (grande) Anko Itosu
Questo kata avanzato è comune a molti stili.